AGENDA


ANNO ACCADEMICO
2019 - 2020



OPEN DAY   
SABATO 22 GIUGNO 2019
ore 10-12


Per effettuare la prenotazione alla giornata


 
  Informazioni c/o la Segreteria I.P.R.dal Martedi al Venerdì
dalle ore 15 alle 19
Tel./Fax. 06-8419950
mail: i.p.r.roma@libero.it

PROSSIMI SEMINARI
 
13 APRILE e 04 MAGGIO 2019  

Dr.ssa FAZI SIMONA

"RIFLESSIONI SU G.BATESON -LETTURA DI METALOGHI
parte 1 e parte 2"


WORKSHOP e SEMINARI 2018/19

 27 OTTOBRE 2018
GIORNATA DI STUDIO A NARNI
"VISIONI E SUPER-VISIONE:UNA TRAMA DI SGUARDI"

24 NOVEMBRE 2018 
Dr.ssa RUSSO RITA
"IL LUTTO NELL'INFANZIA E NELL'ADOLESCENZA"


26 GENNAIO 2019 
Dr.ssa FUSCO EVELINA
"LA FAMIGLIA ABUSANTE-ABUSATA"


09 MARZO 2019 
DR. MASCI ILIO

"NUOVE FRONTIERE NEL LAVORO CON LE FAMIGLIE DI PAZIENTI CON DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE"

 
13 APRILE e 04 MAGGIO
Dr.ssa FAZI SIMONA
"RIFLESSIONI SU G.BATESON 1 e 2 parte"

25 MAGGIO 2019 
SEMINARIO AUTOGESTITO DAGLI ALLIEVI

Le attività

CARATTERISTICHE DELLA SCUOLA
 
Nel corso degli anni l'IPR, grazie all'esperienza maturata dai diversi didatti nelle Istituzioni Pubbliche e alle competenze sviluppate in aree cliniche differenti (abuso e maltrattamento infantile, neuropsichiatria infantile, adozioni, adolescenza, problematiche di coppia, disturbi del comportamento alimentare e disturbi psicotici), ha prestato sempre maggiore attenzione ad alcuni aspetti che assumono rilevanza particolare nella formazione del terapeuta: 
 
a- la soggettività del terapeuta intesa come esplorazione, nel gruppo degli allievi, della propria storia famigliare attraverso il genogramma e l'autobiografia; come implementazione delle personali capacità relazionali, di condivisione e di collaborazione; come attivazione delle proprie potenzialità creative, delle capacità autoformative e gestionali del singolo e del gruppo.

b- la relazione terapeutica nella direzione di un Incremento dell'empatia e della competenza terapeutica; di una attivazione delle capacità di identificazione ed utilizzazione, in modo appropriato, delle emozioni del terapeuta e dello scambio di emozioni fra terapeuta e paziente/i; di un addestramento alla curiosità ed alla sospensione di giudizio.
 
c- i contesti istituzionali e sociali per aiutare l'allievo nella lettura delle disfunzionalità relazionali e familiari allargata alle peculiarità ed alle trasformazioni del contesto sociale (scuola, servizi territoriali, Tribunali ecc.). 

DIDATTICA                  

Training sistemico-relazionale
 
Corso di formazione per didatti
 
SUPERVISIONE
Individuali e di gruppo. L'Istituto propone Corsi di Supervisione Indiretta per Ex Allievi con incontri
   mensili tenuti da un Didatta dell'IPR.


ATTIVITA' CLINICA
 Psicoterapia_individuale, di_coppia e famigliare


PROGETTI E RICERCA

Progetto "Adozioni"

Progetto  "Donne vittime di violenza"

Progetto  "Dermatite atopica"

Progetto "Gravi traumi invalidanti"

Gruppi_multifamigliari_omogenitoriali

•••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

TRAINING DI PSICOTERAPIA SISTEMICO-RELAZIONALE

Il training abilita all'esercizio della psicoterapia familiare in base al riconoscimento ministeriale ottenuto dalla scuola (Decreto MURST del 29.09.94, pubblicato sulla G.U. del 20.10.94). Il programma formativo, che si conforma dunque alle indicazioni ministeriali, ha una durata di almeno quattro anni per un monte ore complessivo di 2000.

                                                            PROGRAMMA GENERALE
Il Programma di Formazione completo come pure Il Regolamento  delle Attività Didattiche sono presenti nel Sito del Centro Studi di Terapia Familiare e Relazionale
www.cstfr.org

â–  Il primo anno è dedicato ad una formazione teorica di base sull’approccio sistemico-relazionale.
La formazione si svolge in gruppi di non più di dieci allievi e si basa sulla ricostruzione del genogramma e sull’autobiografia, sulla simulazione di situazioni cliniche, sulla visione di materiale didattico e su un lavoro autocentrato finalizzato a far crescere la conoscenza di sé da parte dell’allievo.
Nella seconda parte dell’anno è prevista l’attivazione del tirocinio.
â–  Il secondo e terzo anno sono dedicati alla formazione terapeutica in Supervisione Diretta.
â–  Il quarto anno è dedicato alla formazione terapeutica in Supervisione Diretta ed Indiretta.

                                           CRITERI DI AMMISSIONE E DI VALUTAZIONE

Criteri di ammissione alla scuola
Possono essere ammessi al corso di training in Terapia familiare e Relazionale i laureati in psicologia ed in medicina e chirurgia, iscritti ai rispettivi albi.  Per iscriversi al corso è necessario consegnare in Segreteria il Certificato di iscrizione all'albo, il Certificato di Laurea, un Curriculum vitae ed il Modulo di iscrizione al Training compilato in ogni sua parte. Qualora all'atto dell'scrizione l'allievo non sia ancora in possesso del titolo di abilitazione all’esercizio professionale questo può essere presentato durante la prima sessione utile successiva all’effettivo inizio dei corsi stessi. L'ammissione degli allievi ai corsi di training è basata, oltre che sulla verifica dei requisiti richiesti per legge   (Laurea in Medicina e Psicologia), anche su una Valutazione diretta dell'allievo che si compie attraverso un Colloquio di selezione con un didatta dell'Istituto.

Sistemi di valutazione intermedia
    Sono previste valutazioni a tre livelli nel corso di training;
A) la prima al termine del primo anno: il Comitato didattico di Sede esprime un giudizio sui singoli allievi
     i quali sono tenuti a presentare un lavoro (tesina).
B) la seconda al termine del terzo anno, in coincidenza del passaggio dalla fase di supervisione diretta
  alla supervisione "indiretta": i didatti possono definire, tenendo conto del lavoro già svolto e
  dell'esperienza clinica dell'allievo, il momento in cui è possibile iniziare la supervisione indiretta: coloro
  che si ritenga debbano compiere un ulteriore ciclo di supervisione diretta, vengono aggregati
  temporaneamente ai gruppi operanti in questa fase.
C)la terza al termine del quarto anno e comunque nel momento in cui si propone l'allievo per l'esame
    finale.

Esame e attestato finale
All'Esame Finale vengono ammessi gli allievi che, a giudizio dei didatti che ne hanno seguito la formazione, abbiano svolto con impegno e profitto adeguato, tutto il programma formativo. In caso contrario può essere suggerito un supplemento di attività formativa. Due didatti che abbiano seguito l'allievo predispongono un giudizio valutativo sul processo formativo e sui livelli di maturità personali.
L'esame finale prevede: due brevi tesi teorico-cliniche elaborate dal candidato su due delle terapie condotte sotto la Supervisione (diretta e indiretta) nel corso dell'iter formativo.
La presentazione di un nastro videoregistrato relativo ad una terapia seguita dal candidato.
La Commissione d'esame è composta da cinque Didatti appartenenti a Sedi diverse, di cui solo uno può aver seguito nel training il candidato. La Commissione esprime un giudizio di idoneità o di non idoneità.
Nel primo caso il candidato riceve un Attestato finale, nel secondo l'esame può essere ripetuto dopo un anno. Il candidato che riceve giudizio di idoneità ed Attestato finale può ottenere, ai sensi delle disposizioni ministeriali, l'iscrizione all'elenco degli psicoterapeuti.

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
  CORSI DI FORMAZIONE PER DIDATTI
L’IPR organizza corsi di formazione per psicoterapeuti di formazione sistemico relazionale che sono interessati a specializzarsi e ad acquisire competenze nel campo della formazione e della supervisione clinica. Il corso ha la durata di cinque anni in cui l’allievo-didatta affianca un didatta senior nella conduzione e gestione di un gruppo di training.
L’allievo-didatta è inoltre impegnato in un’attività periodica di supervisione personale con un didatta dell’istituto.
Il percorso prevede per l’allievo-didatta anche l’organizzazione e gestione di seminari su argomenti specifici rivolti agli allievi dei diversi anni di training.
A conclusione del percorso l’allievo-didatta è tenuto alla stesura di una tesi che consentirà di accedere all’esame finale. L’esame prevederà la discussione dell’elaborato di tesi davanti ad un’apposita commissione composta da Didatti del Centro Studi di Terapia Familiare e Relazionale e avrà luogo presso la sede del Centro Studi.
A seguito del superamento dell’esame il corsista acquisirà il titolo di Didatta del Centro Studi di Terapia Familiare e Relazionale


ATTIVITA' CLINICA
L’ottica sistemica pone al centro della sua attenzione l’individuo all’interno dei contesti relazionali di cui fa parte. In questo modo il comportamento che il soggetto mette in atto e la sofferenza da lui avvertita sono letti come segnale di disagio che nasce all’interno di un contesto relazionale in quel momento non corrispondente alle esigenze della persona o della famiglia.
I sintomi dell’individuo o la crisi della famiglia diventano dunque il segnale di un adattamento non riuscito rispetto alle richieste di cambiamento provenienti dall’ambiente esterno o necessarie per affrontare una specifica fase evolutiva.
 
L’esperienza clinica e formativa maturata negli anni dall’IPR consente di affermare l’importanza di valutare progettare l’intervento clinico più idoneo ai bisogni dell’utente sia esso singolo individuo, coppia o famiglia.
L’IPR offre uno spazio di consulenza che si esplica in un numero di incontri variabile da uno a tre in cui analizzare e valutare la domanda dell’utente, le sue aspettative, la motivazione e gli obiettivi di un eventuale lavoro psicoterapeutico.
A conclusione della fase di consulenza il terapeuta o l’équipe suggeriscono il tipo di trattamento ritenuto più idoneo rispetto alla specifica situazione presentata.
 I possibili interventi sono:
 
Psicoterapia familiare: è un intervento rivolto a tutti i membri del nucleo familiare ed ha l’obiettivo di comprendere come la storia delle relazioni possa aver portato ad una situazione di sofferenza e di empasse ed eventualmente alla comparsa di un sintomo in uno dei componenti.
 
Psicoterapia di coppia: è un  intervento finalizzato ad aiutare i partners in difficoltà ad affrontare e superare i momenti critici della loro vita a due. I disagi possono essere di diversa natura anche in relazione alla fase del ciclo vitale in cui la coppia ed i singoli membri si trovano.
 
Psicoterapia individuale: è un intervento rivolto al singolo individuo in relazione ad un disagio generalizzato o legato a specifici contesti o relazioni. La terapia individuale sistemica è comunque rivolta alla dimensione relazionale ed interattiva del paziente che, pur essendo solo nella stanza di terapia, porta con sé tutte le relazioni significative che caratterizzano la propria vita nel presente, nel passato e probabilmente nel futuro.
 _________________________________________________________________________________Progetto "Adozione" Progetto Adozioni
ha l'obiettivo di predisporre percorsi terapeutici in situazioni di crisi familiare post-adottiva

 









Progetto Donne vittime di violenza  
prevede la predisposizione di percorsi terapeutici per donne vittime di violenze e maltrattamenti.

Progetto dermatite atopica
In collaborazione con l'ospedale Villa San Pietro di Roma ha l'obiettivo di coadiuvare la terapia medica sulla dermatite atopica con una presa in carico psicoterapeutica del paziente e della sua famiglia.
L'intervento contempla percorsi familiari e di gruppi multifamigliari.

Progetto gravi traumi invalidanti
Prevede la predisposizione di percorsi terapeutici per sostenere i pazienti che hanno subito gravi traumi invalidanti e le loro famiglie
 




Gruppi multi-famigliari omogenitoriali


E' un'iniziativa espressamente rivolta alle famiglie omogenitoriali, con l'intento di sostenere e condividere l’esperienza della genitorialità.
La finalità è migliorare la qualità del rapporto bambino-genitore, le relazioni tra i partner e con gli altri membri della famiglia, e affrontare eventuali problematiche o preoccupazioni che possono impattare sulla crescita della famiglia nel suo insieme.